Come scegliere i migliori rilevatori di banconote false? Quali caratteristiche devono avere e come funzionano? Rispondiamo a tutte queste domande, così da avere le idee chiare per un acquisto sicuro.

Scegliere un buon rilevatore di banconote false non è semplice!

La contraffazione delle banconote ha raggiunto livelli altissimi ed è diventato uno dei maggiori pericoli economici che minaccia la moderna società. È vero che le banconote vere hanno tanti segni e particolarità che permettono di distinguerle da quelle false, ma è pur vero che queste ultime rasentano sempre più la perfezione. I soli occhi e l’esperienza non sempre bastano per capire se tra le mani si ha un falso o meno.

Cosa fare? Affidarsi alla moderna tecnologia è più saggia delle scelte. Grazie ai nuovi e sempre aggiornati rilevatori di banconote false è possibile capire all’istante se la banconota sospetta sia vera o meno. Quale rilevatore scegliere? Sono stati lanciati sul mercato tantissimi nuovi modelli, che si differenziano per dimensioni, qualità della verifica e per le diverse funzioni. Tutti si avvalgono degli stessi strumenti interni per analizzare le banconote, ma alcuni possono essere considerati migliori rispetto ad altri. Infatti, è possibile suddividere i verifica-banconote in professionali e non professionali. A cambiare non è solo il prezzo, ma la loro affidabilità.

Facciamo un esempio: un rilevatore di banconote false professionale sfrutterà tutte le tecnologie oggi utilizzare per verificare una contraffazione. Quindi, utilizzerà la luce bianca, i raggi ultravioletti, gli infrarossi, la verifica magnetica, lo spettrografo e i sensori per la verifica delle dimensioni. Non è detto che tutti i modelli presentino tali caratteristiche, poiché possono sfruttarne anche solo due o tre. Ecco perché si consiglia sempre di optare per rilevatori professionali.

Quale rilevatore di banconote false scegliere?

Chiarita quella che può essere la prima e fondamentale distinzione per quanto riguarda i rilevatori, è possibile spingersi in ulteriori classificazioni.

Meglio un rilevatore manuale o automatico? Il primo utilizza una o più sorgenti luminose tra quelle citate in precedenza (solo luce bianca e/o ultravioletta) e può essere considerato solo con un meccanico aiuto per la nostra vista. Il secondo, invece, effettua un vero e proprio test sulla banconota, sfruttando anche le altre azioni di verifica. Non è detto che tutti gli strumenti di verifica siano presenti su questi rilevatori automatici, ma sicuramente sono da preferire a quelli manuali. Vale sempre la distinzione tra modelli professionali e non professionali.

È possibile scegliere anche un rilevatore di banconote false in base alle dimensioni: quelli per gli esercizi commerciali, solitamente chiamati da ufficio sono ingombranti e necessitano di piano di appoggio. Alcuni modelli più piccoli, cioè i rilevatori portatili, possono essere addirittura attaccati al portachiavi. I primi sono decisamente più affidabili.

Volete sapere quali sono i rilevatori migliori? Ovviamente quelli che offrono anche la possibilità di contare i soldi e che godono della certificazione della BCE. Sono modelli più grandi e costosi, che rientrano nella categoria di quelli automatici. Acquistare un modello professionale del genere permette di dormire sempre sonni tranquilli.

Come scegliere i rilevatori di banconote false? 4 caratteristiche da analizzare prima dell’acquisto

Per essere sicuri si fare un acquisto perfetto e in grado di soddisfare le proprie esigenze, è bene analizzare sempre:

  • la presenza della certificazione BCE, per un’analisi sicura al 100% e che sfrutta tutte le tecnologie fino ad oggi utilizzate per verificare una contraffazione.
  • Aggiornamento all’ultima versione delle banconote in circolazione.
  • Funzioni aggiuntive, tra le quali la più importante è sempre quella relativa al conteggio delle banconote.
  • Alimentazione: meglio scegliere un modello con alimentazione a corrente, ma che può essere sfruttato anche con le batterie ricaricabili.

Tutto qui? Si, perché ricordate sempre che un rilevatore che gode delle certificazioni della BCE è stato già sottoposto a tantissimi test e lanciato sul mercato solo quando si è sicuri che è in grado di effettuare analisi precise al 100%. Le dimensioni e le funzioni aggiuntive sono un di più e dipendono direttamente dall’uso che se ne intende fare. Lasciate perdere i giocattolini, ma affidatevi solo a rilevatori professionali!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *