Il numero delle banconote false è a dir poco allarmante: sembra che l’intento dei falsari sia quello di creare un mercato parallelo del “falso” e ci stanno riuscendo. A breve usciranno le nuove banconote da 100 e 200 euro, ma le più amate da chi nell’illecito vive restano quelle da 50 euro.

20, 50, 100, 200 o 500 euro? Quali sono le banconote false in maggior numero?

Sembra essere una domanda presa dal programma “Chi vuol essere milionario” (ovviamente, in questo specifico caso falso milionario) e la risposta non è così scontata. L’attenzione di tutti si focalizza sul biglietto dal colore tendente al blu, quello più piccolo, ma… attenzione a non lanciarsi sulla più scontata delle risposte, perché i falsari non fanno sconti a nessuno!

Volete conoscere la risposta? Nonostante la grande passione per le banconote da 20 euro, è smisurato l’amore dei falsari per le banconote da 50 euro.

La contraffazione si sta spostando nel porto delle banconote da 50 euro, dopo aver ormeggiato per un lungo periodo in quello del biglietto da 20, da 100 e poi da 200 euro. Basta guardare il report dei sequestri degli anni passati per trovare la conferma a quanto appena detto: poco meno di 500.000 banconote false o sospette immesse nel mercato ogni anno dalle abili mani di falsari di tutta Europa.

Quanto appena detto non deve far abbassare la guardia nei confronti degli altri tagli, neanche per quanto riguarda le monete. L’unica cosa da fare, per non farsi mettere al tappeto dai falsari, è affidarsi ai più piccoli o ai più grandi e professionali rilevatori di banconote false. Dotati dei più sofisticati e aggiornati software per il riconoscimento delle contraffazioni, riescono in frazioni di secondo ad individuare qualsiasi banconota sospetta. È questo l’unico modo per contrastare efficacemente, supportatati dal continuo aiuto della BCE, i falsari di euro.

Come riconoscere le banconote false da 50 euro?

Abbiamo già risposto alla domanda che fa da titolo a questo paragrafo, ma la stessa è volutamente utilizzata per introdurre le novità delle nuove banconote che saranno messe in circolazione nel mercato monetario europeo.

Non è difficile riconoscere le banconote false, ma non è neanche semplicissimo se non si conoscono le novità che vanno a configurare quello che può essere definito come un aggiornamento del biglietto da 50 euro.

La nuova banconota, che già da un po’ di tempo circola nell’Eurozona, si presenta più sofisticata, grazie a:

  • un ben visibile (in controluce) ritratto di Europa nella parte superiore dell’ologramma;
  • un numero verde smeraldo che cambia colore riflettendo la luce e muovendo la banconota;
  • consistenza diversa della carta utilizzata per la stampa;
  • trattini in rilievo che difficilmente riescono ad essere riprodotti sulle banconote false e utilissimi per permettere anche ai non vedenti di riconoscerne l’autenticità;
  • immagine principale, iscrizioni e cifra stampate in rilievo.

Perché è importante tutelare i cittadini dalle banconote false?

Una domanda che può sembrare banale, ma se viene inserita in quello che è un moderno contesto digitale, dove i più evoluti sistemi di pagamento sembrano controllare l’economia, si trasforma in una importante precisazione.

Proviamo a ragionare sull’importanza che continua ad avere il contante. Nonostante i più evoluti sistemi elettronici di pagamento, si cerca sempre di migliorare la tecnologia utilizzata per stampare i nuovi biglietti 50 euro, che già ora è a dir poco straordinaria. Anche i nuovi contabanconote e rilevatori di banconote false sono stati aggiornati per un riconoscimento basato proprio sui nuovi tecnici dettagli. Novità e aggiornamenti continui che ci permettono di capire che il contante resta sempre la parte essenziale dell’economia, anche in questa che è la cosiddetta era digitale. Non possiamo fare a meno del contante… ancora per molto tempo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *